Hamburger di salmone

Hamburger di salmone

Gli hamburger di salmone sono davvero semplicissimi e veloci da preparare ma lasceranno i vostri cari a bocca aperta!

Può essere un ottimo secondo piatto o anche un piatto unico, ma quello che è sicuro è che quando viene messo in tavola colpisce tutti per la sua originalità.

Essendo la preparazione molto facile e veloce, sono un’alternativa perfetta per quando non sapete cosa fare per la cena e potete farli anche all’ultimo minuto usando il pesce congelato.

Una bella variante del ben più famoso hamburger di carne tutta da provare e testare, noi ci mettiamo la nostra garanzia di buona riuscita, ora tocca a voi provare.

Vi basterà abbinarla ad una semplice insalata e il gioco è fatto!

Preparare questo piatto è semplice.

Basta unire gli ingredienti e dopo aver separato l’impasto in più parti dare loro la classica forma rotonda per cuocerli e servirli ben caldi regolando sale e pepe.

Per condirlo e renderlo ancora più appetitoso, potete farcire il vostro panino con una salsa hand made a base di erba cipollina, cetriolo e Yogurt Magro Galbani.

Vedrete che il pesce ne uscirà valorizzato e il vostro hamburger risulterà ancora più fresco ed invitante.

Hamburger di salmone
Hamburger di salmone

 

Ingredienti:

  • Salmone 400 g
  • Mollica 100 g
  • Latte q.b.
  • Burro 70 g
  • Pangrattato q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Scorza di limone grattugiata q.b.

Procedimento:

  • Pulite con attenzione il salmone spellandolo e togliendo le spine, poi tritatelo nel mixer e mettetelo in una ciotola assieme alla mollica che avrete bagnato nel latte.
  • Aggiungete il burro, il sale e il pepe, impastando tutto con le mani fino ad ottenete un impasto compatto e omogeneo.
  • Dividetelo in quattro parti e formate delle palline a cui poi darete forma di hamburger.
  • Rigirate gli hamburger nel latte, poi nel pangrattato e nella scorza di limone.
  • Cuocete gli hamburger in padella antiaderente per circa 5 minuti per ogni lato, poi fateli asciugare su carta da forno e serviteli.

https://ricette.giallozafferano.it/Hamburger-di-salmone.html

https://cucina.fidelityhouse.eu/secondi-piatti/hamburger-di-salmone-97324.html

 

Fiskibollur polpettine di pesce islandesi

Fiskibollur polpettine di pesce islandesi

Il Fiskibollur polpettine di pesce islandesi è un piatto tradizionale della cucina islandese a base di polpette di pesce, decisamente gustoso che si trova in tutte le cucine del paese.

Il piatto consiste solitamente in polpette di merluzzo o di nasello fritte, rigorosamente accompagnate dalla salsa che può essere a base di burro, di carne o maionese.

Tra gli ingredienti possono comparire anche le patate.

Ricette a base di pesce affumicato, bollito, essiccato, fritto o preparato in umido, sono presenti in tutti locali del paese e disponibili anche come cibo da strada.

Anche i formaggi sono abbastanza presenti e sono preparati secondo la tradizione francese olandese e francese, mentre per quanto riguarda la carne ad andare per la maggiore è l’anatra, la renna e la pecora.

Potete assaggiare per esempio il merluzzo fresco, bollito con le patate e condito con il burro o con il grasso recuperato dall’agnello, oppure conservato sotto sale, il baccalà.

Fiskibollur polpettine di pesce islandesi

Agli islandesi piace cucinare questo ingrediente al forno, gratinato, insieme a porri, patate, aglio e formaggio.

Non manca il salmone, l’halibut, l’aringa, magari affumicata mangiata per colazione, la razza, la trota, i gamberi, le aragoste e il salmerino alpino dell’estremo nord dell’isola, preparato anche sotto forma di insaccato.

Alcuni tra i piatti tipici islandesi sono le Fiskibollur, polpette di pesce, l’Hangikjot, agnello affumicato, il laufabrauo (pane fritto), haroifuskur (pesce essicato da servire con il burro)….

Fiskibollur polpettine di pesce islandesi
Fiskibollur polpettine di pesce islandesi

Ingredienti:

  • 500 g filetti di merluzzo
  • 2 cipolle
  • 2 uova
  • 1 cucchiaio di amido di patate
  • 2 cucchiai e 1/2 di farina
  • sale q.b
  • 1/2 cucchiaio di pepe
  • Latte: 300 ml.
  • Olio o margarina per friggere: q.b.

Procedimento:

  • Per prima cosa iniziate a tritare finemente i filetti di merluzzo o di nasello.
  • Fate lo stesso con le cipolle ed aggiungete quindi le uova, la farina, l’amido di patate, il sale, il pepe ed il latte a filo molto lentamente e continuando a mescolare.
  • Lasciate riposare questo composto per almeno 30-40 minuti.
  • Trascorso questo tempo, riprendete il composto di pesce ed andate a formare delle palline della grandezza che desiderate.
  • Più piccole se volete utilizzarle come antipasti o più grandi se consumerete il fiskibollur come secondo.
  • Immergete le palline di pesce nell’olio o margarina molto caldi, fino a quando risultano ben dorate da ambo i lati.
  • A questo punto scolatele e mettetele ad asciugare su un piatto rivestito di carta assorbente, dopo di che servite in tavola.
  • Se volete immergervi nel vero spirito islandese, accompagnate il fiskibollur con del burro fuso e delle verdure bollite.

http://www.tuttogusto.it/ricette/ricetta_fiskibollur-polpettine-di-pesce-islanda_328814.aspx

https://www.kung-food.it/cucina-etnica/fiskibollur/4709/

 

Cous Cous di pesce alla agrigentina

Cous Cous di pesce alla agrigentina

Il cous cous di pesce alla agrigentina è un piatto di origine araba che i siciliani hanno integrato nella loro cultura culinaria.

È un piatto di pesce gustosissimo, considerato un piatto popolare e povero perché nato nelle case delle famiglie di pescatori che, per prepararlo, avevano a disposizione pesce e pochi altri semplici alimenti: semola di grano duro, aglio, alloro, cipolla e olio di oliva.

Questo è un piatto a base di semola di grano duro condito con del brodo a base di pesci arricchito con spezie e aromi.

Di preparazioni di brodo di pesce per cous cous ce ne sono veramente tantissime ed ognuno può arricchirlo a proprio piacimento.
In genere, nel brodo di pesce non possono mancare i pesci da brodo che creano il fondo corpuscolare ed i tocchi di pesce più grandi che accompagnano il piatto.

Tutti noi compriamo cous cous precotto nei supermercati.

Difficilmente si trova in commercio cous cous di altro genere.

Potete scegliere tra quello classico, ma anche glutine free e integrale.

Dipende un po’ dal vostro gusto e dalla ricetta che dovete preparare.

L’acqua bollente (o il brodo) e il cous cous devono essere in proporzione uno a uno.

In pratica l’acqua deve coprire a filo il cous cous, non sommergerlo.

Cous Cous di pesce alla agrigentina
Cous Cous di pesce alla agrigentina

Ingredienti:

  • 400 g di cous cous precotto
  • 400 g di moscardini
  • 2 calamari di media grandezza
  • 350 g di gamberi
  • 350 g di vongole
  • 400 g di cozze
  • 200 g di pelati
  • aglio
  • un piccolo scalogno
  • peperoncino
  • olio, sale, vino bianco
  • Per il fumetto:
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • cipolla 1
  • lische o teste di pesce

Procedimento:

  • Per prima cosa mettete sul fuoco una pentola con la quantità di acqua necessaria per far “rinvenire” il cous cous  il rapporto è 1 tazza di cous cous/ 1 tazza di acqua – aggiunta di sedano , carota e cipolla, qualche ramo di prezzemolo e le lische o teste di pesce, portate a bollore quindi, su fiamma moderata, lasciate cuocere il fumetto per circa 20 minuti.
  • Raschiate le cozze e lasciate a spurgare, se non già fatto, le vongole in acqua aggiunta di abbondante sale fino.
  • Nel frattempo preparate il sugo che accompagna il cous cous: soffriggete due spicchi di aglio schiacciati ma non sbucciati e lo scalogno in 4 o 5 cucchiaiate di olio scaldate in un tegame basso e largo
  • Sfumate con un dito di vino bianco aggiungete i pelati e un pizzico di peperoncino e, su fiamma vivace, lasciate restringere un po la salsa.
  • Unite i calamari puliti e tagliati in pezzi piuttosto piccoli, fate cuocere 5 o 6 minuti quindi aggiungete i tentacoli ed i moscardini puliti e ridotti in pezzettini; lasciate cuocere sino a quando il tutto non vi sembrerà tenero, non occorreranno più di 15 minuti.

Cous Cous di pesce alla agrigentina

  • Negli ultimi 5 minuti aggiungete anche i gamberi a cui avrete eliminato la testa.
  • Fate aprire le vongole e le cozze, separatamente, in una padella in cui avrete scaldato uno spicchio di aglio, sgusciatele lasciandone intere solo alcune per la guarnizione finale del piatto e aggiungetele al sugo di pesce appena preparato insieme al loro liquido.
  • Raccogliete il cous cous in una ciotola, spolverizzatelo con un po di prezzemolo tritato ed inondatelo con la giusta quantità di fumetto bollente, opportunamente filtrato, che nel frattempo sarà pronto.
  • Lasciatelo riposare senza toccarlo sino a quando non avrà assorbito tutto il liquido e poi sgranatelo bene bene con una forchetta.
  • Correggete di sale il sugo di pesce, versatelo sopra il cous cous già disposto nel piatto di portata e servite tutto ancora caldo.

https://ricette.giallozafferano.it/Couscous-ai-frutti-di-mare.html

https://livesicilia.it/2014/09/02/ricetta-del-giorno-brodo-di-pesce-per-cous-cous_533791/

 

Zuppa mediterranea ai frutti di mare

Zuppa mediterranea ai frutti di mare

La zuppa mediterranea ai frutti di mare è un piatto tipico della cucina siciliana, un piatto delizioso, facile e veloce da preparare.

Questo delizioso piatto è molto diffuso nel siciliano ed è molto buona da mangiare con i crostoni di pane casareccio oppure con gli spaghetti, preparando gli spaghetti con questo ottimo sughetto avrete un piatto veramente delizioso.

La zuppa è prevalente nel sud mentre la minestra lo è nel nord, ad eccezione delle minestre universali come pasta e fagioli, pasta e ceci, pasta e lenticchie ecc.

Zuppa mediterranea ai frutti di mare

Le ricette di zuppe e di minestre sono centinaia, da quelle vegetariane a quelle con carne o pesce, per non parlare poi di quelle a base di frutta o altra roba dolce.

Diciamo subito che non c’è città di mare che non abbia una sua ricetta per la zuppa di pesce e che son tutte ottime e tutte hanno un nome particolare.

La zuppa più semplice della cucina italiana tradizionale si chiama acqua cotta.

Prima di preparare la zuppa, controllate bene tutte le conchiglie, scartando quelle aperte o rovinate, sulla cui freschezza potrebbero esserci dubbi.

È inoltre opportuno far spurgare i molluschi per 2 ore in acqua salata.

Zuppa mediterranea ai frutti di mare
Zuppa mediterranea ai frutti di mare

Ingredienti:

  • cozze mezzo kg
  • vongole 1 kg
  • olio d’oliva,
  • uno spicchio d’aglio,
  • prezzemolo,
  • mezzo bicchiere di vino bianco,
  • una fetta di vitello di mare,
  • una coda di rospo,
  • un filetto di cernia,
  • gamberoni 500 g,
  • un pomodoro,
  • mezzo dado vegetale.

Procedimento:

  • Per prima cosa fate aprire mezzo chilo di vongole veraci in una padella con abbondante olio d’oliva, uno spicchio d’aglio e prezzemolo, quando saranno schiuse versate mezzo bicchiere di vino bianco e fatelo evaporare completamente.
  • Togliete le vongole, filtrate il liquido e raccogliete l’aglio.
  • Sistemate in una larga padella il filetto di cernia, la piccola coda di rospo, la fetta di vitello di mare, mezzo chilo di gamberoni e un pomodoro intero e maturo.
  • Aggiungete l’aglio messo da parte, un poco d’olio e fate cuocere il tutto per mezz’ora circa.
  • Versate il vino rimasto, mezzo dado, sale e pepe quanto basta.
  • Negli ultimi cinque minuti di cottura unite le vongole già cotte con il loro guscio.
  • Servite con bruschettine di pane a parte.

https://www.salepepe.it/tecniche-base/pesce-crostacei/zuppa-frutti-di-mare/

https://ricette.giallozafferano.it/Zuppa-di-pesce.html

 

Scampi fritti alla siciliana

Scampi fritti alla siciliana

Gli scampi fritti alla siciliana sono un secondo piatto di pesce leggero e gustoso, ovviamente, come tutte le ricette a base di scampi, anche gli scampi fritti vanno assolutamente mangiati con le mani.

Nonostante sia molto semplice da preparare, si tratta di un piatto molto ricco di gusto, sfizioso e con note afrodisiache.

Gli scampi si possono friggere anche semplicemente passati nella farina o nella farina e nell’uovo sbattuto.

La preparazione è più raffinata e anche di maggior figura se, dopo aver liberato le code dagli involucri, li passerete nella pastella gettandoli poi nell’olio bollente, fino a che abbiano preso un bel colore dorato.

Serviteli con spicchi di limone e prezzemolo.

Scampi fritti alla siciliana

Se volete cuocere gli scampi sulla griglia, calcolate cinque minuti su fiamma non troppo alta e altrettanto per la cottura ideale sulla brace. In questo caso gli scampi non si sgusciano.

Potete pulire gli scampi dal filo intestinale sia prima di cucinarli, incidendo il dorso con un coltello affilato, oppure potete omettere questo passaggio ed eseguirlo al momento del consumo.

Scegliete degli scampi freschi, dalla polpa soda, con le chele ben attaccate al corpo e con il carapace di un bel colore rosato.

Scampi fritti alla siciliana
Scampi fritti alla siciliana

Ingredienti:

  • 1 kg di scampi grossi, sgusciati e puliti
  • sale
  • pepe macinato fresco
  • farina
  • olio di oliva per friggere

Procedimento:

  • Sciacquate gli scampi, asciugateli accuratamente e conditeli con sale e pepe.
  • Infarinateli e scuoteteli in un setaccio per eliminare la farina in eccesso.
  • Friggete gli scampi – 8 o 9 per volta – per 2 o 3 minuti da ogni parte, fino a che non saranno dorati e croccanti.
  • Usando una paletta, mettete gli scampi ad asciugare su una salvietta di carta.
  • Ripetere questa operazione per tutti gli scampi, salare e servire ben caldi.
  • Servite i vostri scampi fritti alla siciliana con dei spicchi di limone e prezzemolo.

http://www.ricettedisicilia.net/secondi/frittura-siciliana-di-calamari-e-gamberi/

https://www.ricettepercucinare.com/ricetta_marchigiana-scampi_fritti.htm

 

Filetto di pesce spada grigliato al profumo di lime

Filetto di pesce spada grigliato al profumo di lime

Il filetto di pesce spada grigliato al profumo di lime è un secondo piatto a base di pesce buonissimo, profumatissimo, facile e molto veloce da preparare.

Questo buonissimo piatto è ideale da fare quando alla vostra tavola si ci aggiungono dei ospiti inattesi.

Il segreto per non far attaccare il pesce alla griglia è quello di pulire le grate in maniera certosina e poi ungerle con olio di semi, dopodiché il pesce spada si staccherà da solo quando è pronto.

Con questa ricetta cuocere il pesce spada alla griglia sarà facilissimo, condite con un filo di olio e limone, un pizzico di sale e gustatevi il filetto di pesce spada alla griglia definitivo.

Se non ve la sentite, potete sempre cuocere il filetto di pesce spada sulla tavoletta di cedro oppure usare la carta forno.

Non serve molto per realizzare il pesce spada grigliato al profumo di lime anzi gli ingredienti sono 4: un bel filetto di pesce spada, olio,  pepe e lime.

Filetto di pesce spada grigliato al profumo di lime

Potete però anche aromatizzare il salmoriglio con altre erbe aromatiche di vostro gradimento come ad esempio con dei rametti di rosmarino che rilasceranno un profumo più intenso alla marinatura!

Il salmoriglio è una salsa tipica della tradizione culinaria siculo (salmurigghiu) – calabrese.

Filetto di pesce spada grigliato al profumo di lime
Filetto di pesce spada grigliato al profumo di lime

Ingredienti:

  • 1 kg di pesce spada freschissimo
  • 4 cucchiai di olio evo
  • sale marino
  • pepe bianco
  • erba cipollina
  • origano
  • 2 lime
  • peperoncino fresco (facoltativo) prezzemolo fresco
  • finocchietto selvatico
  • aglio 1 spicchio

Procedimento:

  • Per prima cosa iniziate a tagliare il trancio di pesce spada in fette regolari e abbastanza spesse.
  • Adesso iniziate a preparare la vostra marinatura con olio extravergine di oliva, aglio tritato, pepe bianco, il succo di un lime, spicchi di lime, un pizzico di sale, origano, finocchietto selvatico fresco.
  • Marinate le fette di spada irrorandole con le gocce del salmoriglio.
  • Tenete il pesce in frigo al coperto nella sua marinatura.
  • Preparate la griglia bella calda.
  • Grigliate le fette di pesce spada.
  • Servite il pesce spada caldissimo con la sua marinatura, spicchi di lime fresco e prezzemolo fresco tritato.

https://cookpad.com/it/ricette/1756861-pesce-spada-marinato-al-lime

http://www.frescopesce.it/filetto-di-spada-grigliato-al-profumo-di-lime/

Alici fritte con cipolle in agrodolce

Alici fritte con cipolle in agrodolce

Alici fritte con cipolle in agrodolce, cotte lentamente in padella con pochissimo olio, aceto, zucchero, uvetta, pinoli, cannella e menta.

Un gusto molto particolare che si sposa benissimo con la grassezza della frittura e della carne dell’alice (se le trovate potete usare anche le sarde, che sono ancora più carnose e grassottelle).

La cannella e la menta danno alla cipolla un tocco speziato del quale, personalmente, mi sono innamorata.

Alici fritte con cipolle in agrodolce

Il mio consiglio è di preparare il piatto con largo anticipo, disponendo sulle alici fritte il condimento a base di cipolla in modo che il pesce si insaporisca al meglio.

Potete servirlo come antipasto o come secondo piatto.

Anche se il gusto agrodolce è di difficile abbinamento con il vino, suggeriamo di gustare questo piatto accompagnandolo a un bianco aromatico e morbido.

Alici fritte con cipolle in agrodolce
Alici fritte con cipolle in agrodolce

Ingredienti :

per le alici fritte

  • 600 grammi di alici fresche
  • semola quanto basta
  • sale quanto basta
  • olio di semi di arachide per friggere quanto basta

per la cipolla in agrodolce

  • 6 cipolle bianche o dorate
  • 40 grammi di uvetta appassita
  • 40 grammi di pinoli
  • un pizzico di cannella
  • 2 cucchiai di zucchero
  • sale quanto basta
  • 60 millilitri di aceto di mele o di vino bianco
  • una manciata di foglie di menta fresca
  • 2 cucchiaio di olio extravergine di oliva

Procedimento:

  • Pulite le alici: togliete la testa, aprire le alici a libro e asportare le interiora, la lisca interna e la piccola lisca sulla schiena.
  • Lavate tutto il pesce e metterlo sulla carta assorbente, tamponando bene finché non sarà asciutto.
  • Mettete in un piatto abbondante semola di grano duro, salare (non troppo) e passate una per una le acciughe premendo bene in modo che vengano ben ricoperte dalla semola da entrambi i lati.
  • Scaldate in una ampia casseruola, abbondante olio di semi di arachide.
  • Le alici vanno fritte in immersione e l’olio dovete ricoprirle interamente ad una temperatura di 180 gradi, ideale per la frittura.
  • Mettete poco pesce per volta nell’olio bollente e friggete per un minuto e mezzo o due.
  • Non appena diventeranno dorate, saranno pronte.
  • Metteteli da parte su un piatto da portata.
Alici fritte con cipolle in agrodolce
  • Per le cipolle speziate, affettate le cipolle non troppo sottili e metterle in una padella anti aderente con 2 cucchiai di olio extravergine.
  • Salate, coprite e fateli cuocere a fuoco basso per circa 20 minuti.
  • Nel frattempo, tostate i pinoli in una padella e fate ammorbidire l’uvetta in una tazza di acqua calda.
  • Quando vedrete che le cipolle sono appassite, aggiungete i pinoli, l’uvetta ben strizzata e un pizzico di cannella, secondo il vostro gusto.
  • Fare cuocere ancora 10 minuti.
  • Infine, alzate il fuoco e versate sulle cipolle l’aceto nel quale avrete mescolato fino a scioglimento lo zucchero.
  • Fare sfumare, abbassate il fuoco, unite la menta, coprite e fate cuocere ancora 10 minuti.
  • Le cipolle devono prendere un bel colore marroncino e lucido.
  • Versate le cipolle sulle alici e fate riposare il piatto un paio di ore.
  • Si mangia a temperatura ambiente, ben insaporito e guarnito con qualche foglia di menta fresca.

 

http://www.gustissimo.it/ricette/antipasti-pesce/alici-in-agrodolce.htm

https://blog.giallozafferano.it/cucinaprediletta/alici-fritte-in-agrodolce/

Cotolette di pesce

Cotolette di pesce

Le cotolette di pesce sono filettini di pesce panati e fritti nell’olio, nella loro versione più semplice.

Si possono utilizzare filetti di merluzzo, di platessa, pesce persico o altro pesce a scelta.

Se la cotoletta di pesce vi piace leggera e croccante, fare una sola panatura, ma se vi piace più morbida e spessa fatene due: una vera leccornia.

E’ possibile inoltre aromatizzare la panatura con prezzemolo tritato, che sta molto bene con il sapore del pesce.

Cotolette di pesce
Cotolette di pesce

Ingredienti:

  • 300 g di filetti di merluzzo o di altro pesce tipo platessa o pesce persico
  • 1 uovo
  • Pepe nero
  • 150 g di pane grattugiato
  • Olio di oliva o di semi di arachide per friggere
  • Sale fino

Procedimento:

  • Sciacquare sotto l’acqua corrente i filetti di platessa e metterli in un colino a sgocciolare.
  • In un piatto rompere l’uovo e sbattere con una forchetta, quindi unire una macinata di pepe.
  • In un altro piatto versare il pangrattato.
  • Prendere ad uno ad uno i filetti di pesce, passarli nell’uovo, quindi nel pangrattato e metterli in un piatto.
  • Se piace fare una seconda panatura.
  • In una padellina scaldare abbondante olio per friggere.
  • Quando è ben caldo, 180° C circa, immergervi i filetti panati.
  • Non riempire troppo la padella per non far diminuire eccessivamente la temperatura.
  • Nel caso, effettuare più cotture consecutive.
  • Quando la superficie della panatura risulterà ben dorata, scolare i filetti e porli su un piatto con carta da cucina asciugandoli accuratamente.
  • Regolare di sale e servire.

Per questa ricetta ho preso inspirazione da: https://www.lospicchiodaglio.it/

Spiedini di pesce al forno

Spiedini di pesce al forno

Gli spiedini di pesce al forno gratinati sono un delizioso secondo piatto davvero bono molto  saporito e gustoso.

Sono l’ideale per le cene tra amici e vanno bene in qualsiasi periodo dell’anno. Prepararli è abbastanza facile e semplice scegliendo le varietà di pesce che preferite.

Con una bella panatura di pangrattato arricchita dal prezzemolo, resteranno morbidi e succulenti. Saranno graditi a tutti grandi e piccini.

Il segreto per rendere gli spiedini di pesce davvero deliziosi è nella panatura a base di crackers al rosmarino. Provare per credere!

Delle volte preparare un secondo di pesce ci impegna talmente tanto da dover rinunciare, ma gli spiedini di pesce al forno sono talmente veloci da preparare e da cuocere che una volta sperimentati non si riesce più a dimenticarli.

Oltre ad essere una ricetta di pesce veloce è anche una ricetta di pesce gustosa.

Si preparano in 20 minuti utilizzando del pesce sugelato ma si può utilizzare anche del pesce fresco, dipende dal tempo che si ha a disposizione.

Spiedini di pesce al forno
Spiedini di pesce al forno

Ingredienti (per 10 spiedini)

  • 1 calamaro (grande)
  • 200 g di seppioline
  • 10 gamberoni
  • 1 trancio di pesce spada
  • 1 trancio di salmone
  • pangrattato
  • 1 spicchio di aglio
  • buccia grattugiata di limone
  • Prezzemolo
  • Olio extravergine d’oliva

Procedimento:

  • Iniziare a pulire il pesce, se non l’ha già fatto il pescivendolo, e tagliatelo tutto in pezzi non troppo grandi
  • Sgusciate i gamberi e lasciateli interi.
  • Lavate il prezzemolo e sbucciate l’aglio.
  • Tritate l’aglio insieme al prezzemolo, aggiungete il pane, il sale (senza esagerare) e la buccia di limone grattugiata finemente.
  • Dividete il pesce in modo omogeneo per predisporre gli spiedini e poi infilzarlo negli stecchi predisponendo gli spiedini.
Spiedini di pesce al forno
  • Appena terminato prendete la panatura e condite gli spiedini passandoceli sopra.
  • Fare un po’ di pressione.
  • Ponete gli spiedini sulla teglia rivestita di carta forno e cospargere con l’olio e con l’eventuale panatura residua.
  • Infornate a 180° e lasciarli gratinare per 20 minuti o fino a quando non risulteranno ben dorati.
  • I vostri spiedini di pesce sono pronti.

Ho preso inspirazione da

 

http://www.ricettedalmondo.it

 Spaghetti ai gamberoni

 Spaghetti ai gamberoni

Gli spaghetti ai gamberoni sono un piatto molto facile e veloce anche se non sembrerebbe, mettete su la pentola per la pasta e contemporaneamente preparate il sughetto.

Ho aggiunto agli spaghetti ai gamberoni qualche pomodorino e del peperoncino, che ho scoperto di amare di recente, ma credo che io stia esagerando.

La cosa un po’ più diciamo difficile che poi non lo è sarebbe la pulizia del gamberone.

Questo piatto di spaghetti con gamberoni l’ho preparato qualche giorno fa’ avendo trovato dei gamberoni freschissimi…, presupposto fondamentale affinché il piatto risulti eccellente!

La cosa fondamentale per ottenere il massimo del gusto è quello di utilizzare le teste dei gamberoni che, oltre ad essere fresche, non devono sapere di ammoniaca.

Se preferite, potete versare tutto in un passa-verdure e filtrare completamente il bordo come si fa con la bisque di gamberi ma, se si tratta di pochi gamberoni, ve lo sconsiglio.

Spaghetti ai gamberoni
Spaghetti ai gamberoni

Ingredienti:

  • 10 gamberoni
  • 200 g di spaghetti
  • Qualche peperoncino
  • 4 pomodorini
  • 1 aglio
  • Prezzemolo
  • Sale
  • Pepe nero
  • Olio d’ oliva

Procedimento:

  • Mettete a bollire una pentola alta con l’acqua per la cottura degli spaghetti.
  • Iniziate a pulire i gamberoni, io ne ho lasciati due interi, mentre al resto dei gamberoni ho tolto tutto il carapace e la testa lasciando soltanto la codina, solo per una questione estetica.
  • Eliminate la testa dei gamberoni, poi i piedini e poi il guscio, con molta delicatezza.
  • Prendete una padella ampia, versateci dell’ olio d’ oliva, rosolateci un aglio.
  • Aggiungete i pomodorini tagliati a metà, lasciate cuocere per 2 minuti.
  • Unite i gamberoni e il peperoncino, saltate il tutto, salate senza esagerare.
  • A fuoco spento aggiungete il prezzemolo tritato.
 Spaghetti ai gamberoni
  • Cuocete la pasta al dente, continueremo la cottura in padella ancora per un minuto.
  • Tenete da parte un po’ di acqua di cottura che servirà a mantecare gli spaghetti.
  • Versate gli spaghetti in padella, spadellando per un minuto aggiungendo un pochino d’acqua di cottura e il pepe nero.
  • Ancora un po’ di prezzemolo e via tutti a tavola.

Ho preso spunto da

 

http://www.imprastando.ifood.it