Pasta al forno

Pasta al forno

La pasta al forno è una ricetta classica solitamente preparata con sugo di pomodoro, mozzarella o scamorza e besciamella.

Un piatto decisamente ricco di gusto ma semplice e veloce da preparare.

Ma pasta al forno in realtà vuol dire tante cose perché nel forno si possono cuocere spaghetti, fusilli, pennette, gnocchi e tortellini e con una miriade di condimenti sempre diversi.

È inoltre perfetta per le feste o le occasioni speciali, perché può essere preparata in anticipo e infornata all’ultimo minuto senza far perdere troppo tempo.

Pasta al forno

Gli ingredienti immancabili in una pasta al forno sono la mozzarella, che può essere sostituita da un formaggio filante, la besciamella.

Con la pasta al forno è facile fare bella figura con gli ospiti perché in genere si tratta di un primo piatto molto ricco, che si presenta molto bene e ha quella crosticina gustosa.

E anche i bambini la adorano perché è filante.

Ottima in tutte le stagioni anche in estate dove potete arricchirla con melanzane precedentemente cotte oppure in inverno potete aggiungere le polpettine di carne variante alla napoletana.

Pasta al forno
Pasta al forno

Ingredienti:

  • 500 g di schiaffoni o paccheri
  • 400 g carne di manzo tritata
  • 200 g di carne di suino tritata
  • 3 uova sode
  • 2 litro di passata di pomodoro
  • 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
  • 1 cipolla rossa di Tropea tritata
  • 50 g di caciocavallo
  • 50 g di Parmigiano Reggiano
  • Sale e pepe q.b

Procedimento:

  • Iniziamo con le polpette
  • In una boulle mettiamo tutti gli ingredienti e con una forchetta amalgamiamo il tutto fino ad ottenere un impasto compatto.
  • A questo punto formiamo le polpette e mettiamole da parte.

Per il sugo

  • In una pentola versiamo la carne tritata e a fuoco moderato facciamola asciugare e soffriggere, una volta asciugata versiamo la cipolla tritata, maciniamo un po di pepe e facciamo rilasciare gli zuccheri della cipolla facendola appena appassire.
  • A questo punto aggiungiamo il concentrato di pomodoro e mescoliamo bene il tutto.
  • Lasciamo andare per circa un’ora a fuoco basso.
  • Non appena il sugo sara pronto portiamo a bollore in una pentola dell’acqua salata, versiamo la pasta e scoliamo 5 minuti prima del tempo di cottura.

Pasta al forno

  • A questo punto prendiamo una pirofila e stendiamo uno strato di sugo e sopra il sugo stendiamo la pasta.
  • Stesa la pasta grattugiamo il parmigiano e procediamo con le uova e il caciocavallo o la mozzarella.
  • Saliamo e pepiamo
  • Procediamo con un’altro strato di sugo.
  • Ancora pasta.
  • Uova caciocavallo e parmigiano, e finiamo con l’ultimo strato di sugo grattugiando sopra uno strato di parmigiano.
  • Inforniamo in forno preriscaldato a 180°C per il tempo della gratinatura.

https://www.lacucinaitaliana.it/tutorial/i-consigli/10-modi-di-fare-la-pasta-al-forno/

https://ricette.giallozafferano.it/Pasta-al-forno.html

Cous cous freddo alle verdure

Cous cous freddo alle verdure

Il cous cous freddo alle verdure è un primo piatto vegetariano, colorato e decisamente genuino grazie alla presenza dei vari ortaggi.

Può essere gustato anche il giorno dopo, a temperatura ambiente e si adatta benissimo a un pranzo fuori casa, anche in ufficio.

Non si tratta di una autentica ricetta tradizionale araba, ma di una preparazione piuttosto leggera dal punto di vista delle calorie, facile da fare, adatta ai nostri gusti, che sfrutta al meglio le nostre verdure.

Per le verdure potete scegliere di utilizzare quelle fresche di stagione, in base al vostro gusto personale.

Cous cous freddo alle verdure

Questa preparazione è buona sia calda che fredda, ad esempio è perfetta da portare al lavoro per il pranzo, sia per la facilità con la quale è possibile trasportarla e consumarla sia perché non vi appesantirà nel pomeriggio.

Il cous cous non è un cereale che nasce così come lo vede dalla pianta, tutt’altro è un preparato di semola e acqua.

Per prepararlo viene spruzzata dell’acqua sulla semola di grano duro e i grumi che si formano altro non sono che i grani del cous cous.

Una volta formati, i grani di cous cous vengono fatti seccare al sole.

I grani possono essere più grossi, più fini,di semola integrale o semi-integrale.

Cous cous freddo alle verdure
Cous cous freddo alle verdure

Ingredienti:

  • 240 g di cous cous
  • 300 g di melanzane
  • 200 g di pomodorini
  • 2 peperoncini verdi
  • 1 fascetto di rucola
  • basilico
  • 200 g di carote
  • sale
  • pepe
  • olio extravergine d’oliva

Procedimento:

  • Per prima cosa sciacquate il cous cous sotto abbondante acqua.
  • Cuocetelo in poca acqua salata per il tempo indicato sulla confezione, scolatelo e lasciatelo raffreddare.
  • Lavate tutte le verdure.
  • Adesso tagliate i pomodori a fettine, i peperoncini a metà, eliminate i semi e l’estremità e tagliateli a striscioline.
  • Tagliate le melanzane a fettine di mezzo centimetro e grigliatele due tre minuti per lato.
  • Spezzettate rucola e basilico e tagliate le carote a julienne.
  • In una terrina mescolate cous cous con le verdure, aggiungete sale e pepe. Mescolate con 4 cucchiai di olio.
  • Servite il vostro cous cous freddo alle verdure.

https://www.grazia.it/cucina/primi/cous-cous-alle-verdure

https://www.cookaround.com/ricetta/cous-cous-alle-verdure.html

 

Tagliatelle alla bolognese

Tagliatelle alla bolognese

Le tagliatelle alla bolognese si preparano tritando la pancetta con le verdure e poi cuocendola in padella con il burro mentre a parte si rosolerà la carne macinata con il vino e poi anche con il brodo.

Primo piatto tradizionale della cucina italiana ed emiliana in particolare,tagliatelle alla bolognese le hanno origini aristocratiche e antiche.

Un piatto che porta avanti la storia di questo formato di pasta, inventata proprio a Bologna dal cuoco Mastro Zefirano.

È la pasta fresca fatta in casa, con l’aiuto di asse e mattarello, a rendere famosa la cucina dell’Emilia-Romagna in tutto il mondo.

Ingredienti poveri e semplici che contrastano con sapori incredibilmente ricchi e consistenti.

Tagliatelle alla bolognese

Anche se le tagliatelle si abbinano perfettamente a svariati condimenti (dai funghi porcini ad un sugo semplice) questa con il ragù alla bolognese è senza dubbio quella più conosciuta anche all’estero.

Per fare una pasta al ragù veloce, e quindi per accelerare le tempistiche, si può mettere più carne che sugo.

Il risultato vi darà, però, un ragù un tantino più asciutto del solito.

Il consiglio per ottenere un ottimo sugo è di cuocere sempre a fiamma dolce e girare di frequente, assaggiando di tanto in tanto.

Tagliatelle alla bolognese
Tagliatelle alla bolognese

Ingredienti:

  • 1 cipolla
  • sedano 1
  • 1 carota
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 1 noce di burro
  • 100 g di pancetta tesa macinata grossolanamente
  • 250 g di carne di suino macinata grossolanamente
  • 250 g di carne di bovino macinata grossolanamente
  • 30 g di concentrato di pomodoro
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • 1 bicchiere di latte intero o panna fresca
  • 250 ml di brodo di carne
  • sale q.b.
  • pepe nero macinato al momento q.b.
  • 400 g di tagliatelle all’uovo
  • Parmigiano Reggiano da spolverare alla fine
  • Procedimento:
  • Tritate in un robot da cucina sedano cipolla e carota molto finemente.
  • In una casseruola unite i 3 cucchiai di olio, il burro, le verdure e la pancetta e lasciate soffriggere per 15 minuti.
  • Aggiungete il misto di carne macinata, sfumate con il vino rosso e fate cuocere per 1 ora e 30 minuti.
  • Diluite il concentrato di pomodoro nel brodo di carne e aggiungetelo alla casseruola.
  • Cuocete con fiamma al minimo per 3 ore.
  • Aggiungete il latte o la panna, cuocete per 10 minuti e aggiustate di sale e di pepe.
  • Portate ad ebollizione abbondante acqua salata e cuocete le tagliatelle per 5 minuti.
  • Scolatele e conditele con il ragù.
  • Impiattate e, se volete, servite con Parmigiano Reggiano.

https://www.buonissimo.org/lericette/8275_Tagliatelle_alla_bolognese

https://www.cucchiaio.it/ricetta/ricetta-tagliatelle-bolognese/

 

Spaghetti con zucchine e limone

Spaghetti con zucchine e limone

Gli spaghetti con zucchine e limone sono un primo piatto profumato, veloce da realizzare e perfetto per un pranzo vegan.

Ognuno ha la sua ricetta speciale, il suo cavallo di battaglia, da preparare in caso di emergenza, oppure per portare in tavola un piatto di pasta colorato ed estivo.

Questa ricetta può essere preparata anche con della pasta fresca.

Invece del parmigiano potete aggiungere del formaggio caprino, per dare maggiore freschezza.

Spaghetti con zucchine e limone

Gli spaghetti con zucchine e limone sono davvero molto semplice da preparare, perfetto per le giornate più calde della primavera e dell’estate in cui si ha voglia di piatti freschi e dal sapore invitante ma non troppo pesante.

Potete arricchire ancora di più il piatto associando alle zucchine anche delle altre verdure, come ad esempio delle melanzane, oppure potete decidere di utilizzare al posto del philadelphia della ricotta.

La quantità di limone decidetela voi, in base ai vostri gusti. Il profumo è spettacolare! Si sposa perfettamente con le zucchine e il sapore è delicato e molto piacevole al palato.

Spaghetti con zucchine e limone
Spaghetti con zucchine e limone

Ingredienti:

  • Spaghetti 350 g
  • Cipolla 1
  • Aglio 2 spicchi
  • Zucchine 250 g
  • Olio d’oliva 4 cucchiai
  • Sale
  • Pepe
  • Limone succo di 1, non trattato
  • Scorza di limone 1 cucchiaio, grattugiata
  • Pomodori 2 cucchiai, secchi e tritati
  • Prezzemolo 2 cucchiai, tritato grossolanamente

Procedimento:

  • Per prima cosa mettere a bollire abbondante acqua salata e cuocere gli spaghetti al dente.
  • Da parte iniziate a sbucciare la cipolla e l’aglio e tagliateli a dadini.
  • Adesso occupatevi delle zucchine cominciando a lavarli dopodiché tagliateli a cubetti o listarelle a voi la scelta.
  • Riscaldate l’olio in una padella e rosolate a porzioni le zucchine, toglieteli, fate evaporare cipolla e aglio, aggiungete nuovamente le zucchine, aggiungete i pomodori e la scorza di limone, salate e pepate e fate cuocere per circa 2 minuti.
  • Infine insaporire con succo di limone, versate gli spaghetti, mescolateli con le zucchine e il prezzemolo e servite subito guarniti con scorze di limone.

https://blog.giallozafferano.it/ricciaifornelli/spaghetti-zucchine-e-limone-ricetta/

http://www.salepepe.it/ricette/primi/pasta-secca/…/tagliatelle-zucchine-limone/

 

Risotto alla marinara

Risotto alla marinara

Il risotto alla marinara è un primo piatto tipico italiano da preparare con frutti di mare rosolati con olio e aglio e senza guscio.

Per preparare questa ricetta abbiamo usato calamari, gamberi, cozze e vongole ma è ammesso variare gli ingredienti in base al proprio gusto.

Bisogna, inoltre, preparare un ottimo brodo di pesce, che è l’ingrediente segreto della ricetta, che potrete fare con gli scarti, bolliti con carote, di calamari e gamberetti.

Il riso migliore per realizzare il risotto alla marinara è il carnaroli, ma potete usare anche il vialone nano o l’arborio.

Per un risotto ai frutti di mare e limone, aggiungete anche qualche goccia di questo agrume insieme ai molluschi.

A seconda dei gusti, potete mantecarlo con una noce di burro o aggiungere un ciuffo di prezzemolo su ogni piatto.

Risotto alla marinara
Risotto alla marinara

Ingredienti:

  • RISO 320 g
  • COZZE 1 kg
  • VONGOLE 1 kg
  • GAMBERI 400 g
  • CALAMARI 400 g
  • CAROTA 1
  • SEDANO
  • PREZZEMOLO
  • AGLIO 1 spicchio
  • VINO BIANCO q.b
  • PEPERONCINO
  • SALE
  • OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

Procedimento:

  • Mettete in un pentola della giusta grandezza le vongole e in un’altra le cozze.
  • Coprite col coperchio e lasciate andare fino a quando i molluschi non si saranno aperti.
  • A questo punto spostateli in un recipiente, sgusciatene una parte e filtrate l’acqua di cottura che utilizzeremo nel nostro risotto.
  • Mettete in una padella un filo d’olio extravergine d’oliva con un pezzo d’aglio intero, un trito di carota e sedano e, se a tavola non ci saranno bambini, un pezzo di peperoncino.
  • Versate i calamari e sfumate con vino bianco, lasciandoli cuocere qualche minuto.
Risotto alla marinara

 

  • Unite il riso, sfumate con un altro po’ di vino bianco e aggiungete un po’ del brodo dei molluschi.
  • Dopo circa cinque minuti aggiungete i gamberi e continuate la cottura del risotto per 15 minuti con la restante acqua dei molluschi ancora calda.
  • A pochi minuti dalla cottura del riso, aggiungete tutti gli altri ingredienti: cozze e vongole senza guscio e una spolverata di prezzemolo tritato.
  • Assaggiate e aggiustate di sale secondo i vostri gusti.
  • Lasciate andare fino a fine cottura e fate riposare un paio di minuti il risotto prima di metterlo nei piatti guarnendo con le cozze e le vongole col guscio.
  • Il risotto alla marinara è pronto per essere gustato.

 

Ricetta  by…https://cucina.fanpage.it/

Penne pollo e pancetta

Penne pollo e pancetta

Le penne pollo e pancetta sono un primo piatto completo, una vera delizia molto facile e veloce da preparare.

Le penne sono tra i più scelti tipi di pasta corta, una delle grandi famiglie della pasta che vede tra gli altri la pasta lunga, come gli spaghetti ad esempio.

Lo faccio da tantissimo tempo solo con il pollo, credo di aver trovato la ricetta e questa volta ci ho aggiunto la pancetta e l’ho modificata un pochino.

E il piatto della domenica, ricco di sapori molto colorato che stupirà i vostri parenti e ospiti.

Per tutti gli amanti dei cibi ben conditi questa ricetta sicuramente è.

Devo confessare che sono rimasta molto sorpresa quando ho visto la preparazione di questa buonissima delizia (è una ricetta americana ).

L’ho subito provata è sono rimasta piacevolmente colpita dalla sua bontà.

Per questo motivo avevo deciso di fare la video ricetta, per far’ capire a voi quant’è facile e veloce da preparare…

Non mi resta altro che augurarvi buona visione e aspetto i vostri commenti 🙂

Consiglio: Potete sostituire la pancetta dolce con quella affumicata, per un risultato più intenso.

Ingredienti:

250 g di penne

300 g di pancetta a fette

300 g petto di pollo tagliato a pezzetti

250 ml panna da cucina

parmigiano grattugiato

pomodorini freschi tagliati a pezzetti

spinaci freschi

sale, pepe e peperoncino

2 spicchi d’aglio tritati finemente

prezzemolo per dare più colore al piatto

Per sapere il procedimento dovrete guardare la video ricetta 🙂

 

Penne pollo e pancetta
Penne pollo e pancetta

Ciorba de perisoare

Ciorba de perisoare

La ciorba de perisoare è un primo piatto tipico della cucina tradizionale romena, ma ovviamente ognuno la prepara aggiungendo, eliminando variando gli ingredienti a seconda dei gusti.

La ciorba è una minestra preparata con verdure e carne, mentre la zuppa è un brodo di carne, ma senza verdure.

Nella preparazione della ciorba si possono aggiungere degli ingredienti acidi, come limoni, borş (crusca fermentata), panna acida (“smântână”) o zeamă de varză acră (succo di crauti)

Il comune denominatore di tutte le versioni di ciorba de periosare sono però le polpette di carne (perişoare).

Questa minestra ha un sapore acidulo, dovuto ad alcuni ingredienti che variano da una Regione all’altra e che si possono aggiungere a fine cottura: panna acida, yogurt, limone, bors (una salsa molto usata in Moldova).

Ciorba de perisoare
Ciorba de perisoare

Ingredienti:
Per le polpette:

  • 200 gr carne macinata ( vitello o mista, pollo, tacchino o maiale )
  • 1 cucchiaio di riso
  • 1 uovo
  • sale e pepe
  • ( si mette prima la carne, quindi il riso e infine l’ uovo sbattuto, il sale e il pepe

Per la minestra

  • carota a cubetti o intera
  • cipolla ( meglio mondata e lasciata intera o solo tagliata in due, se non piace a tutti )
  • patata a pezzetoni o intera
  • sedano, rapa a fette o a cubetti
  • un pezzo di osso con carne (per fare il bollito) o un brodo di carne
  • passata di pomodori o concentrato di pomodori
  • prezzemolo e sedano (sarebbe perfetto il levistico, o sedano di monte, che si trova nei negozi romeni)

Procedimento:

  • Prepariamo un brodo di carne: acqua con il pezzo di osso con la carne, cipolla, carota e sedano.
  • Quando il brodo di carne è pronto, aggiungiamo le polpette e facciamo bollire a fuoco basso per 20 minuti con il coperchio.
  • Aggiungiamo anche la patata tagliata a pezzi / cubetti, la passata di pomodori, il prezzemolo e lasciamo ancora a bollire fino quando è tutto pronto (altri 10-20 minuti).
Ciorba de perisoare
  • Alla fine aggiungiamo, se ci piace, l’ingrediente che abbiamo scelto per dare alla minestra un sapore acidulo (panna acida, yogurt, limone o bors).
  • La ciorba de perisoare va accompagna con peperoncino verde, buona musica e un ottimo bicchiere di vino rosso.

Pasta alla siciliana con melanzane

Pasta alla siciliana con melanzane

La pasta alla siciliana con melanzane è un primo piatto buonissimo, facile e veloce da preparare, un classico domenica della tradizione italiana dal gusto genuino.

Ogni famiglia ha la propria ricetta, chi ci mette le polpette, chi usa il pomodorino fresco, chi taglia le melanzane a cubetti o a fette, chi usa mozzarella o provola, insomma, non credo esista la ricetta originale della pasta alla siciliana

Io amo la pasta alla siciliana al forno, perché si fa quella crosticina che mi manda in paradiso, con il maccherone croccante un po’ bruciacchiato.

Ovviamente utilizzeremo melanzane ma anche pecorino grattugiato, mozzarella e pomodori, da scegliere tra pelati o freschi, da sbollentare precedentemente per privarli della buccia.

Utilizzate basilico fresco per profumare e decorare questo gustoso piatto siciliano.

Se il pecorino non vi piace potete utilizzare, al suo posto, la ricotta salata, che andrà sempre grattugiata sulla pasta.

Il suo sapore è più delicato.

Pasta alla siciliana con melanzane
Pasta alla siciliana con melanzane

Ingredienti:

  • 400 gr di pasta tipo penne o fusilli
  • 3 melanzane medie
  • Pecorino grattugiato
  • 1 spicchio di aglio
  • Sale
  • 2 barattoli di pomodori pelati
  • Basilico fresco
  • 200 gr di mozzarella
  • Olio di oliva q.b.
  • Peperoncino

Procedimento:

  • Tagliate le melanzane a dadini e mettetele a bagno in acqua e sale per almeno mezz’ora.
  • Friggete le melanzane in abbondante olio bollente e tenetele in caldo.
  • In un tegame capiente fate dorare uno spicchio di aglio, poi unitevi i pomodori pelati tagliati a pezzettoni, salate, unite il peperoncino ed eliminate l’aglio.
  • Fate cuocere i pomodori per circa un quarto d’ora, poi unitevi le melanzane e il basilico fresco.
  • Lessate la pasta in acqua salata, scolatela al dente e conditela con la salsa preparata.
  • Aggiungete la mozzarella tagliata a dadini e spolverate con il pecorino.
  • Mantecate la pasta alla siciliana e servite calda.

Gnocchi al gorgonzola

Gnocchi al gorgonzola

Gli gnocchi al gorgonzola sono gustosi gnocchetti di patate conditi con una crema di gorgonzola aromatizzato con foglie di salvia e noce moscata.

Per la preparazione degli gnocchi al gorgonzola sono ottimi gli gnocchi fatti in casa, ma si possono utilizzare anche quelli acquistati già pronti, purchè di ottima qualità e preparati con pochi semplici ingredienti.

Gli gnocchi al gorgonzola si possono anche gratinare.

Imburrare una pirofila, mettervi gli gnocchi, coprirli con Parmigiano Reggiano grattugiato e infornarli sotto il grill.

Così preparati gli gnocchi si possono conservare in frigo un giorno ed essere gratinati solo al momento di essere serviti.

La versione pronta per essere gratinata può anche essere congelata.

Si conserva così per 3 mesi circa.

Al momento di consumarla metterla nel frigorifero la sera prima e scaldarla al momento di mangiarla nel forno come descritto in precedenza.

Gnocchi al gorgonzola
Gnocchi al gorgonzola

Ingredienti:

  • 1 scalogno
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 50 ml di Brodo vegetale
  • 80 g di Gorgonzola dolce
  • 2 foglie di salvia
  • 1 cucchiaio di latte
  • Noce moscata
  • 400 g di Gnocchi di patate
  • Sale
  • Parmigiano Reggiano grattugiato

 

  • Procedimento:
    Pelare lo scalogno e tritarlo molto molto finemente, perché una volta appassito non deve sentirsi sotto i denti.
  • Mettere in una padella l’olio, lo scalogno, portare sul fuoco e farlo appassire a fiamma media.
  • Aggiungere un paio di cucchiai di brodo e stufare per 4-5 minuti.
  • Aggiungere il gorgonzola ridotto a cubetti, le foglie di salvia lavate e spezzettate grossolanamente, un cucchiaio di latte e far sciogliere a fuoco lento.
  • Una volta ottenuta una crema, spegnere il fuoco ed unire una grattugiata di noce moscata.
Gnocchi al gorgonzola
  • Tenere coperto.
  • Lessare gli gnocchi in abbondante acqua salata e, quando vengono a galla, ritirarli con una ramina forata direttamente nella padella del condimento a fuoco acceso.
  • Saltare gli gnocchi scolati a fiamma vivace nella padella del condimento per qualche minuto, girando delicatamente per non romperli.
  • Servire accompagnato da Parmigiano Reggiano grattugiato o a scaglie.

Per questa ricetta ho preso spunto da : https://www.lospicchiodaglio.it

Cacio e pepe

Cacio e pepe

La cacio e pepe nasce come piatto poveri dei pastori che migravano da una zona all’altra e si portavano dietro provviste semplici da cucinare e che si mantenevano a lungo, pasta, pecorino e pepe nero.

E’ una ricetta molto molto tradizionale e antica, di quelle che non si sa la provenienza reale ma che sono i veri romani sanno preparare e conoscono.

Una ricetta davvero semplice ma che, per via della sua semplicità, può facilmente essere sbagliata e diventare un pasticcio.

Gli ingredienti degli spaghetti cacio e pepe sono alla fin fine solamente due: il cacio e il pepe.

Ma la semplicità della ricetta è solo apparenza.

In realtà non tutti riescono a cucinare una buona cacio e pepe e spesso si valuta un ristorante di cucina romana proprio da come ti prepara un piatto di spaghetti cacio e pepe ….provare per credere.

Cacio e pepe
Cacio e pepe

Ingredienti:

  • 400 grammi di spaghetti
  • 200 grammi di pecorino romano grattugiato
  • 10 grammi di pepe nero macinato
  • olio extravergine d’oliva
  • sale

Procedimento:

  • Per prima cosa iniziate a cuocere gli spaghetti in acqua salata nel quale è stato versato un cucchiaio di olio di oliva e nel frattempo versare in una ciotolina di vetro o di alluminio il pecorino romano e il pepe nero.
Cacio e pepe
  • Alzate la pasta al dente calcolando almeno 2 minuti prima della fine cottura, versarla nella ciotola con la miscela di pecorino e conditela per bene aggiungendo due mestoli di acqua di cottura per fare in modo che tutto si amalgami per bene.
  • E’ possibile anche mescolare pecorino e pepe nero in una padella grande dove poi saranno scolati gli spaghetti ricordando però che vanno amalgamati “a freddo”.
  • Mescolate e servire immediatissimamente altrimenti la pasta si fredda e il formaggio si raggruma tutto.

Ho preso spunto da :https://lacuochinasopraffina.com/